I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Domenica, 29 Aprile 2012 21:21

Linux Ubuntu 12.04:Start-up Manager

Scritto da

 

Molti utenti si saranno subito accorti che la famosissima applicazione per la gestione del multi boot "Start-up manager", nella distribuzione Ubuntu 12.04 non è più' presente.

Mercoledì, 28 Settembre 2011 18:03

Paga in contanti o con Facebook?

Scritto da

 

Il titolo è dei più criptici: Last-minute leak has Facebook Places using NFC on phone. Ma diventa subito più chiaro quando aggiungiamo che Nfc (Near field communications) è una tecnologia che permette lo scambio di informazioni fra dispositivi portatili a breve distanza, quindi senza intervento di una rete telefonica e che la tecnologia supporta transazioni di pagamento fra privati. La comunicazione Nfc avviene a brevissima distanza, più o meno come accade con le tessere a prossimità.

Ecco quindi che la disponibilità di questo strumento in Facebook Places diventa molto interessante, per l’integrazione fra la possibilità di trovare locali e amici in zona e un sistema di pagamento.

La tecnologia è promettente e ha qualche applicazione pilota anche in Italia, per esempio un esperimento in corso da parte della società dei trasporti milanese (Atm) che prevede la consegna a utenti pilota di telefoni abilitati Nfc. Gli analisti prevedono che nel 2014 un telefono su cinque uscirà con il supporto per questo genere di comunicazione.

windowsSecondo il sito specializzato Nokia Power User la situazione ha subito un'ulteriore accelerata. Pare che Microsoft sia decisa a premere a fondo sul pedale e anticipare i tempi di rilascio di Windows 10

Lunedì, 17 Ottobre 2011 09:49

Sondaggio Nokia e jailbreack in arrivo

Scritto da

Con il pensiero all’oramai imminente Nokia World, secondo quanto riportano i risultati di un recente sondaggio di allaboutsymbian il 48.58% degli utenti Symbian, praticamente la metà, sta considerando di acquistare uno dei nuovi e non ancora annunciati Windows Phone prodotti dall’azienda Finlandese. 

Considerando che Symbian, nonostante il recente calo, possiede a discapito di Windows Phone ancora una grossa fetta di mercato, le cifre in ballo sono molto importanti e potrebbero portare molto presto la piattaforma di Microsoft a battagliare con iOS. Android, invece, è ancora troppo lontano.

Nel frattempo gia si hanno conferme che a breve arriverà ,finalmente, ChevronWP7, il progetto di jailbreack per Windows Phone di Microsoft per permettere a tutti di installare app non firmate anche senza avere un costoso account sviluppatore.

Gli ingredienti sono un Windows Live ID, 9$ da pagare via paypal per il token di sblocco (sblocca un Windows Phone) e il gioco è fatto, il tutto senza invalidare la garanzia.

Venerdì, 21 Ottobre 2011 09:35

Holodesk Microsoft presenta il primo pc olografico

Scritto da

 
Dopo aver presentato nei giorni passati le tecnologie OmniTouch e PocketTouch, Microsoft Research mette in luce una ulteriore novità frutto del lavoro dei laboratori di Redmond: trattasi di Holodesk, un'interfaccia olografica che consente di interagire con un mondo tridimensionale virtuale.

Venerdì, 30 Settembre 2011 11:12

Aggiornamento per il PlayStation Store (28/09/2011)

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Ultimo aggiornamento del mese di Settembre per il PlayStation Store che copre il campo PSP in tutti e tre i fronti principali: Giochi, Minis e Classici PSOne. In particolare, per tutti gli amanti del calcio approda sullo Store l’ultima fatica di EA Games, parliamo di FIFA 12.

Settembre si chiude nella media degli aggiornamenti, non fa certo gridare al miracolo ma strizza l’occhio al settore sportivo sia nelle nuove produzioni che nelle vecchie. Tra i giochi PSP, giunge infatti sullo Store FIFA 12, mentre tra i Classici PSOne potremo calarci nel clima più freddo della competizione con Snowboard Racer. Anche i Minis non possono mancare all’appello, mettendo però da parte lo sport a favore di altri campi con Galcon Labs e The Treasures Of Montezuma.

 

Giochi completi (PSP)
  • FIFA 12 (€39.99)

Minis (PS3 e PSP)
  • Galcon Labs (€2.49)
  • The Treasures Of Montezuma (€1.99)

PSone (PS3/PSP)
  • Gubble (€3.59)
  • Snowboard Racer (€4.99)

Vi ricordiamo che per accedere al Playstation Store ci sono tre modalità diverse: 
  1. Avere nella PSP un firmware aggiornato e accedere dall'apposita icona della dashboard.
  2. Accedere da PC grazie a Media Go!
  3. Accedere attraverso una PlayStation 3

Fonte: PlayStation Blog EU



Giovedì, 06 Febbraio 2014 17:53

Tool fai da te per sbloccare i Nokia Lumia

Scritto da

Nokia ha deciso di rilasciare un tool ufficiale per tentare un recupero “fai da te” prima di un’eventuale ricorso al servizio di assistenza. È bene sottolineare che questo è un tool messo a disposizione dal produttore appositamente per l’utente finale, quindi del tutto lecito e che non invalida la garanzia.

Il tool è in grado di riportare in vita i Lumia bloccati sulla schermata degli ingranaggi o che non si accendono. Non è detto che questa soluzione sia definitiva e funzioni nella totalità dei casi, ma un tentativo prima di prendere la via dell’assistenza e di possibili attese, può essere fatto in tutta legalità e in pochi minuti. Dopo Nokia Care Suite e Nokia Software Update arriva quindi Nokia Software Recovery, appositamente creato allo scopo e “legalizzato”, anche se funziona con gli stessi principi di NSU, vale a dire il flashing del device, che rimane quindi tutt’ora valido.

WINDOWSPHONEÈ iniziato il rilascio ufficiale OTA (Over-The-Air) dell’aggiornamento Windows Phone 8.1 che porta, nella nuova revisione del firmware, anche la personalizzazione Lumia Denim (nota: Lumia Denim è solo per i Nokia). Dovreste ricevere una notifica, in caso contrario recatevi nelle Impostazioni, alla voce aggiornamenti, e fate una ricerca manuale. Potete scaricarlo tranquillamente, non perderete foto, app, giochi e altri dati del telefono.
La procedura dura circa 30 minuti dall’inizio del download alla fine, quando riapparirà la vostra Start screen e tutte le nuove funzioni.

Lunedì, 20 Febbraio 2012 15:34

Gatekeeper

Scritto da

Un Mac più sicuro. Sotto il tuo controllo. Gatekeeper in OS X Mountain Lion rende il Mac più sicuro che mai. Esso consente di impedire la inconsapevolmente il download e l'installazione di software dannoso. E consente di controllare quali applicazioni per scaricare ed eseguire sul vostro Mac. Ora è possibile scegliere tra tre opzioni di sicurezza. È possibile scaricare ed eseguire le applicazioni da qualsiasi luogo, proprio come in OS X Lion. Per essere ancora più sicuro, scaricare ed eseguire applicazioni dal Mac App Store e le applicazioni con un ID Developer. Oppure, scaricare ed eseguire le applicazioni solo da Mac App Store - il più sicuro impostazione di tutti. Gatekeeper consente di decidere quale impostazione è meglio per voi.
articolo principale

Se questo articolo vi è piaciuto e volete restare sempre aggiornati seguiteci sui nostri canali social Facebook, Twitter, Google+ e ci trovate anche sull'app flipboard
Lunedì, 24 Ottobre 2011 14:41

Installare mac osx su un pc

Scritto da

 
Fino a qualche anno fa i computer costruiti e commercializzati da Apple erano defilati a professionisti del settore grafico e del videoediting, defilati anche per il loro prezzo molto più esoso di un personl pc comune, oggi invece questa tendenza si è invertita, o solo per moda o perchè i prezzi sono diventati più accessibili a una maggior parte di utenza tutti conoscono il mac e le potenzialità del suo sistema operativo OSX. Anche se i prezzi sono scesi notevolmente ce ancora oggi chi non se li può permettere e tanto e vero che alcuni anni fa nacque un azienda che vendeva dei pc con sopra precaricato il sistema OSX fregandosene di brevetti che andava a violare violazione cosa che Apple con la sua potenza economica fece modo di mettere la parola fine a questa storia facendo chiudere questa azienda e chiedendo milioni di dollari come risarcimento, ma ancor prima di questa azienda circolava in rete un cip che montato sulla scheda madre di un ormale pc faceva in modo che il sistema osx poteva essere installato, perche tutti sanno che l’osx si installa solo su macchine Apple perchè deve riconoscere un hardware proprietario di Apple, am ancora una volta da Cupertino fecero in modo che questo cip pirata non venisse più commercializzato. Ancora oggi però ce chi vuole installare il sistema mac su pc normali e un gruppo di programmatori si sono inventato un sistema che implementato in un cd di installazione normalissimo ci fa saltare il fastidioso riconoscimento hardware e ci permette i installare il sistema mac.
Di seguito vi daremo anche una piccola guida per Installare mac OSX,
La seguente guida ha scopo puramente informativo…l’autore della suddetta non prende responsabilità di qualsiasi genere né in riferimento a ciò che potrebbe succedere sulla vostra macchina né sulle procedure che violano il copyright. E’ semplicemente e puramente un caso di studio. 

Preparazione

Questo articolo non ha come scopo l’illustrazione delle funzionalità di Lion, dato che sono reperibili – ed esaustivamente descritte – sul sito Apple. Siamo qui per spiegare come installare il Sistema Operativo sui normalissimi pc. Le premesse e i requisiti sono sempre gli stessi:

  • Pazienza: requisito fondamentale, senza la quale è meglio abbandonare subito qualsiasi progetto di gloria.
  • Hardware compatibile: sul sito OSx86 è presente una lunga lista di Hardware compatibile con il sistema operativo. Verificate che il vostro Hardware sia presente su questa lista – o su altre, tramite ricerche specifiche -. Senza gli adeguati Drivers ( kext nel nostro caso ) sarebbe impossibile continuare.
  • Penna USB con capienza MINIMA pari a 8 GB: servirà per copiare i file di installazione necessari.
  • Immagine Mac OSx 10.7 ( GM ) : è l’immagine source di sistema. Può andar bene sia la finale che la GM ( Golden Master ). I modi per reperire la suddetta immagine non verranno trattati in questo articolo :P
  • Sistema Mac OSx: è necessario avere un sistema OSx già installato per eseguire le operazioni di preparazione ( è sufficiente anche una versione hackintosh precedentemente installata ).
  • Account su Kexts.com e InsanelyMac: probabilmente i due siti più famosi che si occupano della tematica trattata in quest’articolo, kexts.com è utile per scaricare i kexts che possono essere utili nella fase di post-installazione, mentre insanelymac è da sempre il forum più letto per richiede consigli ed esprimere problematiche. Ovviamente, per quest’ultima cosa, potete rivolgervi anche qui, a patto che descriviate esattamente le azioni svolte, l’hardware che si possiede e l’errore preciso. Creare un account su entrambi i siti è completamente gratuito.
  • Bootloader: esistono tanti bootloader che permettono il riconoscimento del sistema operativo nelle fasi di boot. Non vi assicuro che possiate trovare immediatamente quello che fa per voi; posso solo affermare che qui troverete tutti i bootloaders a voi congeniali. E’ importante scegliere un bootloader compatibile con OSx 10.7.

   

Cambiamo tutto…di nuovo!

Una volta effettuata la preparazione, dobbiamo effettuare una scelta: se affidare a Lion l’intero HDD ( hard disk ) o solo una partizione di sistema. Nel primo caso, potete proseguire saltando questo passaggio; nel secondo caso, è necessario comprendere con che tipologia di Partition Map Scheme è formattato il vostro HDD. Per poter installare Lion, dovete disporre di un HDD formattato in GUID; per avere informazioni in merito, andate in Applications->Utilities->Disk Utility, selezionate l’HDD in questione e leggete l’etichetta in basso nel lato destro. Vi dirà se siete in GUID o in MBR. Nell’ultimo caso, sarà necessario scaricare questo file…vedremo successivamente come utilizzarlo.

Inseriamo dunque la USB nell’apposito lettore e attendiamo che sul desktop appaia l’icona di avvenuta lettura. Apriamo Disk Utility ( Applications->Utilities ), scegliamo nell’elenco delle periferiche di sinistra la suddetta e clicchiamo sulla tab “Partitions” in alto a destra. Ci verranno mostrate una serie di opzioni: ciò che andiamo a fare è stabilire un’unica partizione all’interno della USB specificando però la GUID come tabella di partizionamento. Come? Clicchiamo sul menù a tendina al di sotto dell’etichetta “Schema Partizioni” e selezioniamo la voce “1″.

Appena sotto lo schema delle partizioni, c’è il pulsante “Opzioni”; clicchiamo su di esso e scegliamo, tra le 3 opzioni presenti, lo schema GUID. Fatto ciò, scegliamo come filesystem “Mac OSX Journaled” e clicchiamo infine sul pulsante “Applica”…il gioco è fatto. ATTENZIONE!!! Tutti i dati presenti sulla penna verranno eliminati! Effettuare, in caso lo si necessiti, un backup.

Ora che la USB è pronta per ricevere il Sistema Operativo, un po’ di Terminale non fa mai male :) Montiamo l’immagine del Lion scaricata precendentemente e, sempre in Utilities, apriamo il Terminale; digitiamo quindi il seguente comando:

open /Volumes/Mac\ OS\ X\ Install\ ESD/BaseSystem.dmg. 

Questo comando farà in modo di effettuare l’apertura di una nuova finestra contenente il Base System, ovvero il sistema di base, che sarà il contenuto principale della nostra USB. Torniamo in Disk Utilities e, selezionata la penna USB, clicchiamo su “Restore”. L’opzione di restore permette in genere il ripristino di un disco partendo da un’immagine; visto che ciò che abbiamo appena aperto tramite il terminale è un’immagine ( .dmg ) è ben chiaro ciò che vogliamo fare. Ci troviamo dinanzi a due caselle di input testuali: la prima è la sorgente, la seconda la destinazione.

Clicchiamo sull’immagine appena aperta ( ovvero BaseSystem.dmg, presente nell’elenco delle periferiche di sinistra ) e trasciniamola nella casella corrispondente alla sorgente; apparirà un pallino verde con un “+” al centro che ci informerà della correttezza dell’operazione che stiamo eseguendo. Nella casella della destinazione, invece, come auspicabile, trasciniamo l’icona corrispondente alla penna USB ( che andremo a prendere sempre dalla sinistra ); clicchiamo sul pulsante “Restore” e attendiamo la fine delle operazioni.

Una volta terminata l’esecuzione del Restore, si aprirà una nuova finestra che mostrerà l’immagine appena copiata risiedente sulla USB. Navighiamo in System/Installation e cancelliamo il file “Packages”; senza chiudere questa finestra, riapriamo il terminale e digitiamo il seguente comando:

open /Volumes/Mac\ OS\ X\ Install\ ESD/Packages. 
 

Comparirà un elenco con una serie di .pkg che sono i pacchetti di installazione che verranno utilizzati dal programma Installer durante la copiatura dei file di sistema sul disco rigido. Sempre in System/Installation sulla USB, creiamo una cartella chiamata “Packages” e copiamo al suo interno TUTTI i files provenienti dalla finestra apertasi al comando digitato.

La copiatura impiegherà diversi minuti prima di poter essere completata. Nel caso in cui avessimo scelto di effettuare l’installazione tramite MBR, non sarà necessario copiare il file OSInstall.pkg dall’immagine del disco; basterà inserire l’OSInstall.pkg scaricato precedentemente. Un’ultima procedura di copiatura: nell’immagine principale di Lion che abbiamo scaricato, copiamo il seguente file

mach_kernel

nella root del nostro disco di installazione che stiamo preparando, e anche il .pkg del bootloader scelto. Quest’ultima operazione servirà in seguito. Chiudete tutte le finestre del Finder aperte e aprite il Chameleon RC5 scaricato in precedenza; avanzate nella procedura di installazione, accettate le clausule che vi verranno mostrate e, all’apparire del pulsante “Change Disk Location” cliccateci sopra.

Vi verrà mostrato l’elenco dei dischi sui quali volete installare il bootloader; selezionate, quindi, il disco corrispondente alla vostra USB. L’installazione sarà pressochè immediata. Personalmente, consiglio il Chameleon RC5 v1083…mi è sembrato il più stabile. E’ importante verificare che nella root del disco appena creato sia presente la cartella Extra e, al suo interno, il file FakeSMC.kext; sarà essenziale per la buona riuscita della procedura.

Il sistema è pronto per essere installato!!! Riavviate la vostra macchina, inserite la USB appena preparata, effettuate il boot da quest’ultima e, alla scelta di quale disco avviare, scegliete “Mac OSX Base System”. Attendete il tempo di caricamento necessario, scegliete l’italiano come lingua preferita e, all’apparire della barra superiore, cliccate su Utilities->DIsk Utilities.

Cliccate nell’elenco delle periferiche di sinistra il disco che andrà ad ospitare il sistema, selezionate l’opzione “Erase” a destra, il “Mac OSX Journaled” come filesystem, rinominate il vostro disco come volete (es:Lion) e procedete all’operazione di erasing cliccando sull’apposito pulsante. Uscite da disk utilities e andate sempre avanti, finchè non giungerete alla procedura di copiatura dei files. Godetevi l’installazione di MacOSX Lion 10.7.

Il sistema è – presumibilmente – installato! Al riavvio, effettuate il boot sempre dalla USB stick e lanciate Lion. Una volta eseguite le operazioni di first configuration, entrate nella suddetta USB e selezionate il .pkg del bootloader che avete scaricato in precedenza, installandolo – stavolta – nel vostro HDD principale. Facendo ciò, potrete avviare Mac OSx Lion direttamente da HDD. Godetevi il vostro Leone!





Pagina 8 di 150