I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Apple

Apple (243)

Le ultime novità dal mondo della Mela Morsicata

Categorie figlie

Tutorial

Tutorial (18)

Video Guide, Tutorial, trucchi e recensioni sugli ultimi S.O. della Mela

Visualizza articoli ...
Venerdì, 23 Settembre 2011 11:49

Apple userà CPU ARM sui prossimi Mac? Intel non smentisce

Scritto da

Dopo il successo riscontrato da iPhone 4 e iPad 2 (e dalle rispettiveCPUARMA4 e A5) in termini di prestazioni, subito si sono diffuse sul web delle voci che vedrebbero nelle intenzioni di Apple la migrazione daIntelad ARM per ciò che riguarda le CPU dei prossimi Mac, sia desktop che portatili: notizia non smentita, tra l’altro, dall’Ultrabook director di Intel,Greg Welch.

Le ottime prestazioni fatte registrare dalla famiglia A di processori ARM di Apple sui nuovi dispositivi mobili della casa diCupertinocome iPhone 4 e iPad 2 sembra abbiano convinto la società guidata daSteve Jobsa migrare verso questa architettura ed equipaggiare, quindi, non soltanto smartphone e tablet, ma anche tutti iMacBook(e, probabilmente, anchei Macdesktop) con processori ARM, abbandonando, di fatto, la partnership con Intel.

Sebbene questi siano soltanto dei rumors, Intel, tramite il direttore della divisione Ultrabook, Greg Welch, ha fatto sapere di ritenere il possibile passaggio di Apple dai processori Intel a quelli ARM una vera e propria minaccia per i propri profitti. Non per questo, però, Intel si dà per vinta, anzi.

Proprio Welch, infatti, ha affermato: “Abbiamo sentito anche noi gli stessi rumors, e sarebbe davvero stupido da parte nostra far finta di niente. Cerchiamo di innovarci continuamente in modo che Apple possa continuare a guardare a noi come fornitore.

Insomma, una paura non troppo velata, giustificata anche dal fatto che l’accoppiata software-hardware nei nuovi dispositivi Apple ha funzionato a meraviglia, soddisfacendo appieno le aspettative dei progettisti e motivando ancora di più l’azienda di Cupertino ad investire la propria ricerca e il proprio sviluppo nella famiglia di chip A. Sperando che questi nuovi mac non diventino solo dei giocattoli per navigare in internet e non delle fedeli macchine da lavoro come lo sono state fino ad adesso, ci tocca solo aspettare.

Venerdì, 23 Settembre 2011 11:49

iPad 3 nel 2012 con Retina Display

Scritto da

Il 2012 sarà l’anno dell’iPad 3: ad annunciarlo è il Wall Street Journal, che tramite un report pubblicato sulla versione online del quotidiano presenta l’arrivo della terza iterazione della tavoletta secondoCupertino. Una tavoletta che, a quanto pare, erediterà dall’iPhone una caratteristica importante: lo schermo del tablet risponderà infatti alle caratteristiche tecniche che contraddistinguono la tecnologia Retina Display, realizzata proprio da Apple per la quarta versione del Melafonino.

Secondo il Journal, dunque, il gruppo di Cupertino avrebbe intenzione di lanciare l’iPad 3 agli inizi del prossimo anno, come già accaduto con le due precedenti edizioni del device che attualmente domina incontrastato il panorama dei tablet. La produzione del dispositivo dovrebbe iniziare nel corso del quarto trimestre 2011, con i fornitori incaricati di consegnare ad Apple i componenti necessari per assemblare all’incirca un milione e mezzo di unità nei primi mesi di vita dell’iPad 3.

Per rispettare i canoni del Retina Display, dunque, la nuova tavoletta della Mela porterà con sé una risoluzione doppia rispetto al passato: dai 1024×768 pixel si passerà di fatto a 2048×1536 pixel, offrendo quindi la possibilità di visualizzare immagini e testi con maggiore nitidezza. Apple, del resto, ha per lungo tempo fatto leva proprio sul Retina Display per sponsorizzare l’iPhone 4, di cui rappresenta una delle caratteristiche peculiari che ne hanno permesso un’ampia diffusione nel corso del primo anno di vita.

Nessun cambiamento invece in termini di dimensioni: il display continuerà ad avere una diagonale da 9,7 pollici e sarà prodotto con ogni probabilità da Samsung ed LG. Proprio i due colossi sudcoreani sarebbero alle prese con la fase di testing dei pannelli da consegnare ad Apple, con alcuni problemi legati proprio all’aumento della risoluzione che necessitano di essere risolti in breve tempo. Chimei Innolux, uno dei fornitori dei display per iPad 2, non sarebbe invece riuscito a soddisfare le richieste della Mela morsicata e sarebbe stata tagliata fuori dalla produzione della terza edizione.

Se questo articolo vi è piaciuto e volete restare sempre aggiornati seguiteci sui nostri canali social Facebook, Twitter, Google+ e ci trovate anche sull'app flipboard
Venerdì, 23 Settembre 2011 11:48

Apple pensa ad un iPod Touch 3G

Scritto da

In casa Apple sono abituati a fare le cose con ordine e metodo, dedicando appositi giorni a determinate operazioni e organizzandone altre in specifici mesi. Quello di settembre, ad esempio, è tradizionalmente dedicato all’aggiornamento della linea iPod, la quale potrebbe vivere quest’anno un’importante cambiamento: secondo alcuni rumor provenienti dalla Germania, infatti, la società di Cupertino avrebbe intenzione di lanciare un nuovo iPod Touch dotato di connettività 3G.

Sulla falsa riga di quanto accaduto già con iPad, dunque, Apple potrebbe permettere ai propri utenti di utilizzare il dispositivo per la navigazione in Rete non solo tramite Wi-Fi, ma anche mediante l’ausilio di una sim fornita dal proprio operatore: in tale ottica, il nuovo iPod Touch, che giungerebbe così alla quinta generazione, potrebbe essere distribuito proprio dai carrier di telefonia mobile, con piani in abbonamento corredati anche da pacchetti dati per la navigazione nel web.

Qualora i rumors dovessero rivelarsi veritieri, si tratterebbe di un’importante svolta per la versione Touch dell’iPod, la quale scioglierebbe il nodo che la lega alle connessioni Wi-Fi per accedere alla Rete e si posizionerebbe sullo stesso piano di iPhone ed iPad in termini di connettività. Numerosi sarebbero i nuovi possibili utilizzi di un simile dispositivo, che già dalla quarta generazione presenta funzionalità in grado di renderlo piuttosto simile agli altri prodotti della linea di Cupertino: rispetto all’iPhone, ad esempio, differirebbe sostanzialmente per l’assenza di un sistema per effettuare telefonate, ma in tal caso la lacuna verrebbe colmata da applicazioni VoIP.

Il mese di settembre, del resto, è ormai indicato da più fonti come quello buono per il debutto dell’iPhone 5, atteso per quest’estate ma slittato a causa di una serie di imprevisti. Insieme alla quinta edizione del Melafonino potrebbe poi giungere una versione più economica dello smartphone, così da permettere ad Apple di insediarsi anche in una fascia più bassa del mercato mobile: combinando tale ipotesi con i rumor degli ultimi giorni, risulta plausibile l’ipotesi secondo cui in realtà la società statunitense non stia pensando ad un iPhone più economico, bensì ad un iPod Touch in grado di collegarsi alle reti 3G, caratterizzato da un prezzo notevolmente inferiore rispetto allo smartphone.

Pagina 49 di 49