I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Parlando di Windows Phone 7, tra le cose che avevamo inserito nella nostraWishlist, vi era il Tethering Wi-Fi, ovvero la possibilità di condividere la connessione del nostro cellulare trasformandolo in un vero e proprio router senza fili.

Questa comodissima funzionalità è già presente sui più recenti smartphone della concorrenza (come gli iPhone con iOS 4 e i dispositivi con le ultime versioni di Android), ma da quanto emerge dal codice di Mango, sembrerebbe che essa sia già presente in questa release, ma che sia opportunamente nascosta.

Se vi state chiedendo perché una funzione così importante sia stata nascosta, dovete sapere che da sempre è ritenuta molto sconveniente dagli operatori di telefonia mobile. Le applicazioni per smartphone infatti sono pensate per un uso parsimonioso della connessione, invece utilizzando il telefono come router è possibile collegare PC e altri dispositivi esosi in termini di banda, il che rallenta le linee e non conviene economicamente ai vari gestori (che per i PC hanno dispositivi dedicati, quali le chiavette USB).
Microsoft potrebbe aver trovato il giusto compromesso tra le richieste degli utenti e le esigenze dei fornitori di servizi mobili, infatti le stringhe scovate in Mango sono le seguenti:
  • To enable tethering on this device dial {0}
  • To enable tethering on this device, go to {0}
Sostituendo a {0} un numero di telefono che dipende dal gestore della SIM inserita, si scopre che probabilmente l’intenzione di Microsoft è quella di consentire l’attivazione della funzionalità di tethering tramite remoto. In pratica ogni operatore deciderà se consentire o meno l’uso del tethering, quindibisognerà chiamare e richiederne l’attivazione sul proprio smartphone (probabilmente unitamente a qualche promozione dedicata).
Sebbene questa notizia possa lasciare l’amaro in bocca ad alcuni utenti, bisogna ricordare che la comunità di sviluppatori su internet è sempre molto attiva, quindinei prossimi mesi non è da escludere uno sblocco incondizionato di questa funzionalità tramite qualche procedura non ufficiale.
Fonte windows 8

You have no rights to post comments