I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Apple ha reso disponibile per il download l'aggiornamento 10.8.4 per Mac OS X Mountain Lion, minor update che va a correggere numerosi e fastidiosi bug che affliggevano le precedenti versioni dell'ultima edizione del sistema operativo per desktop e notebook "Made in Cupertino".

Pubblicato in Apple

Il Windows Store è il fiore all’occhiello del nuovo Windows 8: Microsoft infatti ha venduto il nuovo sistema operativo ad un prezzo davvero basso perché spera di riuscire a capitalizzare sulle applicazioni vendute tramite lo Store. Un sistema blindato, con applicazioni "sandboxed" che vengono eseguite in ambito sicuro per non minare la stabilità del sistema e non tornare quindi a problematiche passate con applicazioni che rendevano instabile il sistema stesso.

Sembra però che qualcosa sia sfuggito a Microsoft quando si è trattato di costruire la gabbia che protegge lo Store: il sito Betanews riporta infatti di un programma in grado di “craccare” lo Store sbloccando le versioni trial dei programmi.

Windows ha infatti integrato nello Store un sistema di prova dove l’utente può testare per sette giorni i programmi prima di acquistarli, una scelta che gli sviluppatori possono fare per incoraggiare gli utenti all’acquisto.

Il programma Wsservice_crk, rilasciato a fine ottobre, sblocca di fatto il limite rendendo le applicazioni utilizzabili per sempre. Per farlo va ad agire sui file di sistema che gestiscono lo Store, quindi oltre all’illegalità dell’azione c’è un serio rischio per la stabilità del sistema operativo stesso. Il programma permette inoltre di caricare applicazioni Metro non firmate e di eliminare la firma Microsoft: il rischio è quindi quello di veder comparire sul web le app per Windows Store da scaricare liberamente già come accade oggi per gli apk di Android e gli ipa di iOS.

Un software dannoso per tutto l'ecosistema: gli sviluppatori, infatti, potrebbero decidere di non fornire più le versioni Trial dei loro programmi e a rimetterci, come sempre, sarebbero tutte le persone che invece acquistano e usano lo Store in modo corretto.

Microsoft comunque è già a conoscenza del problema e sta lavorando per risolverlo. Il metodo funziona solo per sistemi x86 e non su Windows RT, noi consigliamo di non scaricarlo potrebbe minare anche i dati sensibili del account che si usa per windows 8.

Pubblicato in Windows