I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Martedì, 07 Agosto 2012 13:37

Grafica da paura con la nuova AMD FirePro W9000

Scritto da

Per tutti gli amanti della grafica, nonchè per i professionisti, AMD svela finalmente i prezzi della nuova linea di schede video professionali FirePro W. Tenetevi forte perchè il modello di punta, la FirePro W9000, costerà ben 3999 dollari, seguita dai modelli “più economici” W8000, W7000 e W5000, rispettivamente a 1599, 899 e 599 dollari.

Le nuove soluzioni AMD FirePro possono gestire fino a 6 display 4K da 30 pollici con una potenza di calcolo straordinaria; il modello di punta infatti offre 4 TFLOPS in Single Precision e 1 TFLOPS in Double Precision, il tutto con 6 GB di Memoria Video GDDR5 a disposizione.

Per chi poi vuole contenere le spese se cosi si può dire esistono anche altri modelli un po più ecomici 

AMD FirePro™ W9000

High-performance CAD engineers, media designers, digital signage professionals

4 TFLOPs single precision

1 TFLOP double precision

6GB of high speed GDDR5 memory

USD$3,999

 

AMD FirePro™ W8000

High-performance CAD engineers, media designers, digital signage professionals

3.23 TFLOPs single precision

806 GFLOPs double precision

4GB of high speed GDDR5 memory

USD$1,599

 

AMD FirePro™ W7000

Mid-range solution for CAD engineers, media designers, digital signage

2.4 TFLOPs single precision

152 GFLOPs double precision

4GB of high speed GDDR5 memory

USD$899

 

AMD FirePro™ W5000

Mid-range solution for CAD engineers, media designers, digital signage

1.27 TFLOPs single precision

80 GFLOPs double precision

2GB of high speed GDDR5 memory

USD$599

Giovedì, 02 Agosto 2012 10:02

Intel Sandy Bridge-E arriveranno solo nel 2013

Scritto da

Nonostante la piattaforma Intel Sandy Bridge-E sia sul mercato da ormai due anni, sembra che gli appassionati debbano attendere ancora un bel pò per vedere la nuova soluzione destinata alla fascia extreme del segmento desktop. L’azienda di Santa Clara infatti dovrebbe proporre i nuovi Processori Ivy Bridge-E solo il prossimo anno, almeno stando alle ultime informazioni. Ivy Bridge-E sarà costruito con processo produttivo a 22 nanometri e utilizzerà il socket LGA 2011, quindi la retrocompatibilità con le attuali schede madri X79 è sicura.

Questo “posticipo” è però alquanto anomalo se consideriamo la presenza sul mercato di Ivy Bridge LGA 1155 e il debutto certo ad Aprile 2013 della piattaforma mainstream Haswell LGA 1150. Haswell avrà sicuramente un’architettura ottimizzata rispetto a Ivy Bridge e quindi anche di Ivy Bridge-E; il rischio è quello di vedere quest’ ultima con un rapporto performance/core nettamente inferiore ad Haswell ma con prezzi decisamente più alti.

C’è però da considerare che la piattaforma LGA 2011 (e quindi anche Ivy Bridge-E) è ideata per configurazioni ad alto profilo con un’ampia possibilità di espansione, soprattutto sul reparto grafico (con supporto SLI e CrossFire a doppia linea 16X Elettrica) e su sullo storage (vedi controller aggiuntivi SAS SATA 6 Gbps). Staremo a vedere l’evoluzione della roadmap Intel che potrebbe ancora subire qualche cambiamento.

 

Secondo una notizia trapelata nelle ultime ore sul web, Nvidia avrebbe messo in guardia i partner sulle modalità di garanzia che riguardano le nuove schede grafiche già overcloccate di fabbrica. L’azienda infatti, soprattutto con schede high-end come la GeForce GTX 680, potrebbe non effettuare RMA nel caso in cui la scheda sia stata danneggiata durante una sessione di overclock/overvolt.

L’utente finale quindi potrebbe “giocare” solo entro i parametri del TDP stabilito dal produttore, una caratteristica che, facendo un calcolo veloce, significherebbe un limite di circa 1100 MHz. Per operare in stabilità oltre questa soglia è necessario applicare un overvolt, pratica che l’azienda in sostanza sta sconsigliando.

Questa scelta, se confermata, sarebbe puramente un modo per risparmiare sulle numerose pratiche di RMA che, dopo l’avvento dei tool per modificare i voltaggi via Sistema Operativo, sono molto aumentate vista la poca esperienza di alcuni (o molti?) utenti. Resta da capire ora il comportamento delle aziende (e di Nvidia) nella gestione di schede grafiche custom, prodotti che Promettono spesso pesanti overclock di fabbrica e sono garantiti (vedi prezzo a volte spropositato) per operare fuori specifica. 

 

Mercoledì, 18 Luglio 2012 15:48

Intel Atom anche nei tablet con Windows 8

Scritto da

Nonostante stenti a decollare, come abbiamo avuto modo di sottolineare un paio di giorni fa, Intel considera ancora il mercato degli Ultrabook come un qualcosa che molto presto riuscirà a raggiungere importanti traguardi.

Paul Otellini, CEO di Intel, ha annunciato che l'azienda in queste settimane sta analizzando circa 140 progetti/design di Ultrabook basati su processori Ivy Bridge (40 dei quali con schermo touch e una dozzina "convertibili"), la maggior parte dei quali arriveranno sui mercati di tutto il mondo entro l'autunno, con molti modelli che saranno offerti alla cifra di 699 dollari americani.

Molto più interessante è l'affermazione dello stesso Otellini riguardo alla prossima integrazione di processori Intel Atom in tablet montanti un sistema operativo Windows 8; attualmente sono in fase di approvazione più di 20 modelli, i quali farebbero da "apripista" ad una vera e propria nuova categoria di dispositivi low-cost.

La grafica integrata sui processori Intel non è molto considerata dagli amanti del 3D, anzi fino alla presentazione dei processori Ivy Bridge veniva quasi del tutto snobbata viste le performance decisamente entry-level. Ivy Bridge, seppur non in modo “sconvolgente”, ha alzato gli standard e introdotto diverse e interessanti funzionalità, permettendo alla casa di Santa Clara di recuperare un piccolo margine rispetto ad AMD.

AMD è senza dubbio molto più avanti di Intel sull’ iGPU e con le soluzioni APU riesce a proporre un’ottimo compromesso tra performance e prezzo. Ricordiamo che Intel mantiene comunque il monopolio dei sistemi desktop (anche rispetto alle soluzioni GeForce e Radeon), tuttavia per un’azienda di questa portata, avere un posto di rilievo nel segmento delle GPU ad alte prestazioni è sempre importante.

Secondo le ultime indiscrezioni Intel proporrà una svolta decisiva con la prossima generazione di CPU Haswell, soluzioni che vedremo sul mercato nel 2013. Haswell utilizzerà un socket LGA 1150, sarà costruito con processo produttivo a 22 nanometri e, cosa più importante, avrà una GPU Integrata molto potente (almeno rispetto a Ivy Bridge e Sandy Bridge).

La GPU destinata ai processori di fascia alta sarà caratterizzata da 40 execution units, 160 ALU e 4 texture units, specifiche che, se paragonate alle soluzioni Ivy Bridge e soprattutto Sandy Bridge, fanno ben sperare in ambito gaming. Stando sempre ai rumors, in ambito grafico questo chip avrebbe prestazioni superiori a Sandy Bridge fino al 400%.

Considerando infine che Haswell utilizzerà un socket LGA 1150 è sicura l’introduzione di una nuova famiglia di chipset e schede madri, probabilmente la serie 8 con i modelli Z87, H87.

Pagina 4 di 11