I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Lunedì, 29 Luglio 2013 14:17

ASUS: Motherboard Maximus VI Formula

Scritto da

Basata su chipset Intel Z87, ASUS amplia ulteriormente la famiglia di prodotti ROG (Republic Of Gamers) con la nuova scheda madre ad alte prestazioni Maximus VI Formula. Come di consueto si tratta di una scheda rivolta al segmento che racchiude i gamers e in particolare gli overclockers che non cercano compromessi.

E'ideata per le CPU Haswell LGA 1150, la Maximus VI Formula è equipaggiata con componentistica di primo livello, supportando la nuova tecnologia Extreme Engine DIGi+ III. Il VRM è a 10 fasi mentre per la dissipazione è ibrida e può essere anche affidata a un sistema a liquido.

L’azienda di Santa Clara però, come già annunciato qualche mese fa, non ha ancora intenzione di “pensionare” del tutto Ivy Bridge, piattaforma che, come ha dichiarato spesso inte, sarà molto longeva.
L’ultima novità che rigurda questa famiglia di CPU è il Pentium 2127U, un Processore ideato principalmente per gli Ultrabook e quindi a basso consumo.

Martedì, 25 Settembre 2012 14:58

SSD Samsung Serie 840 super veloci

Scritto da

Samsung si sta dimostrando molto attenta al mondo dei dischi allo stato solido. A poco più di un anno dal suo ingresso sul mercato, il colosso coreano lancia ora una nuova linea, chiamata SSD Serie 840. Eredi della fortunata Serie 830 (da noi provata esattamente un anno fa), questi SSD 840 promettono velocità ancora maggiori, ovviamente su interfaccia SATA III da 6 Gb/s. Le velocità di lettura arrivano a 540 MB/s, mentre in scrittura ci si ferma a 330 MB/s; colpiscono anche i 98.000 IOPS nella lettura sequenziale con blocchi di 4K, così come i 70.000 IOPS in scrittura. 

Per chi invece desidera prestazioni ancora maggiori, Samsung ha lanciato anche la versione SSD Serie 840 Pro, che porta la velocità a 100.000 IOPS in scrittura e i 90.000 in scrittura, oltre a migliorare leggermente la velocità per i modelli con taglio più piccolo. La Serie 840 Pro, inoltre, offre un miglior supporto per l’uso professionale all’interno dei datacenter.

Entrambe le nuove serie sono dotate del controller proprietario Samsung MDX a 3 core e possono contare su alcuni programmi per facilitare la migrazione da un vecchio disco all’SSD e la pulizia e manutenzione del disco una volta in attività. La Serie SSD 840 arriverà nei tagli da 120, 240 e 500 GB, mentre la Serie 840 Pro arriverà nei tagli da 128, 256 e 512 GB. Per entrambe la disponibilità è prevista a partire dal mese di novembre con prezzi a partire da 115 euro.

Lunedì, 17 Settembre 2012 10:58

Intel Xeon Phi consuma e riscalda meno

Scritto da

Nelle ultime settimane le caratteristiche relative alla nuova piattaforma HPC Intel Xeon Phi hanno suscitato l’interesse di molti; questo interesse non è legato solo alla novità del progetto stesso ma anche e soprattutto per il ruolo che potrebbe occupare sul mercato, ampliando ulteriormente la competizione con AMD e Nvidia, a favore dell’offerta finale.

Intel aveva svelato a inizio mese le features dell’architettura (puoi leggere Intel svela i dettagli dell’architettura Xeon Phi), e proprio in quella occasione si era focalizzata anche sull’efficienza che Xeon Phi (e l’architettura Knights Corner) riuscirebbe ad avere, rimanendo molto vicina ai competitor.

Durante l’IDF da poco concluso, l’azienda di Santa Clara ha mostrato alcune demo della piattaforma, tuttavia non ha approfondito l’aspetto consumi, molto probabilmente perchè il progetto è sotto le mani degli ingegneri che lo stanno ancora ottimizzando.

Nonostante questo il sito semiaccurate.com è riuscito a “sbirciare” una postazione con Xeon Phi a 56 Core Two-Way (112 Core); l’immagine che trovate a seguire riporta un grafico relativo a quelli che sembrano i consumi in real time del sistema in IDLE. I valori sono abbastanza semplici da leggere se non fosse per il fatto che osservando attentamente il Memory Usage (a differenza dei Core) appare saturato. A parte questo dubbio, notiamo come le due schede cosumino un totale di 438 Watt (190+248 W), con una temperatura media di 64 °C (troppo elevata per essere in IDLE) e un totale di 16 GB di memoria video (8GB a scheda).

La nuova piattaforma di processori Haswell, eredi dell'attuale Ivy Bridge. Qualche informazione è però già trapelata in rete: stando a quanto riportano Hot Hardware e Chip Hell, infatti, Haswell potrebbe arrivare a un consumo di soli 10 Watt. Questo dato si riferisce molto probabilmente alla soluzione System-on-Chip (SoC) dual-core dedicata a tablet, smartphone e altri dispositivi mobili, ma include anche la componente grafica. Grazie ad alcuni accorgimenti, inoltre, Haswell potrebbe consentire di arrivare alle 24 ore di autonomia per i dispositivi, una vera manna per chi lavora spesso lontano da una presa di corrente.

Lato prestazioni la nuova piattaforma dovrebbe portare, per i sistemi più tradizionali, a un incremento del 10% a parità di frequenza, mentre a beneficiarne maggiormente dovrebbe essere la GPU, le cui performance potrebbero essere, secondo quanto dichiarato, almeno il doppio. Questo incremento così notevole sarebbe dovuto a una nuova cache L4, che dovrebbe occuparsi di incrementare la coerenza tra CPU e GPU, con particolare beneficio delle performance GPGPU e dei videogiochi. La GPU integrata offrirà anche il supporto alle DirectX 11.1 e alle librerire OpenGL 3.2. Nei prossimi giorni verranno sicuramente svelati ulteriori dettagli, per cui potremo approfondire meglio la nuova piattaforma Haswell di Intel.

Pagina 3 di 11