I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dopo poche ore che megaupload è stato chiuso gli ANONIMUS subito hanno colpito con una serie di attacchi DDoS mirati in grado di affossare i siti più rappresentativi del mondo del copyright. Dopo aver affondato tutti i nomi più in vista della vicenda Megaupload (DoJ, MPAA, RIAA, Universal), il mirino si è spostato anche sulla francese Hadopi (la famigerata commissione dei tre strike voluta da Sarkozy per limitare la pirateria nel paese transalpino). Ed il risultato è stato il medesimo:

Copyright.gov è stato affossato nei medesimi minuti e stando alle indicazioni provenienti dagli account ufficiali degli Anonymous su Twitter sarà una lunga notte fatta di attacchi e vendette. #Megaupload e #Anonymous sono i protagonisti di queste ore sul social network a 140 caratteri, mentre su Facebook le condivisioni si sprecano: il movimento che Megaupload calamitava attorno ai propri link si sta riversando in massa sui social network per capire cosa stia succedendo.

Di fronte si trova 18 domini sequestrati, varie ordinanze d’arresto eseguite ed un vero e proprio terremoto: il sito in grado di veicolare il 4% dell’intero traffico della Rete a livello internazionale è stato fermato improvvisamente con una azione di forza coordinata da Department of Justice ed FBI.

You have no rights to post comments