I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nell’era dalla tecnologia il tema della sicurezza diventa sempre più importante: se da un lato Microsoft compie la saggia mossa di integrare un antivirus in Windows 8, dall’altra Apple ammette implicitamente che anche il Mac OS X non è più sicuro come una volta.

La notizia che un sistema informatico non invulnerabile agli attacchi non meriterebbe di per se un articolo, ma quando in gioco c’è un’azienda come Apple che per molti anni ha usato come cavallo di battaglia contro Windows il fatto di essere “immune ai virus” certi avvenimenti devono far riflettere.

Dal sito ufficiale della Apple è improvvisamente sparita la frase “è immune dai virus per PC”, sostituita con una più onesta “è sicuro fin da subito” (immagine a inizio articolo). Sicuramente Apple inizierà ad aumentare la propria attenzione nei confronti degli aggiornamenti di sicurezza, perdendo quell’aura di impenetrabilità fino ad oggi tanto conclamata.

Mac OS X, in quanto sistema operativo Unix, è indubbiamente molto sicuro, ma in quanto prodotto informatico non potrà mai essere invulnerabile. Le crescenti quote di mercato rendono il sistema operativo della Mela un nuovo allettante obiettivo da contaminare e si aprono così le porte a nuovi scenari pieni di antivirus e altri software di sicurezza.

You have no rights to post comments