I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le applicazioni Web scalabili sono utili, ma non rappresentano l'unica situazione in cui ha senso utilizzare Windows Azure. Pensiamo a un'azienda che talvolta abbia bisogno di una grande potenza di elaborazione per un'applicazione di elaborazione parallela. Alcuni esempi di applicazioni di questo tipo sono la modellazione finanziaria presso una banca, il rendering di video presso un'azienda di effetti speciali, lo sviluppo di un nuovo farmaco in un'azienda farmaceutica e così via. Sebbene sia possibile mantenere un grande cluster di computer per soddisfare queste esigenze quando si presentano, questa soluzione è anche molto costosa. Windows Azure può invece fornire le medesime risorse quando necessario, offrendo un cluster di elaborazione su richiesta.

Per creare questo tipo di applicazione, gli sviluppatori possono utilizzare i ruoli di lavoro. Inoltre, benché non sia l'unica scelta, le applicazioni parallele normalmente utilizzano grandi set di dati, che è possibile archiviare nei blob di Windows Azure. Questo tipo di applicazione è illustrato nella figura 9.

 

Figura9: un'applicazione di elaborazione parallela può utilizzare un'istanza di ruolo Web, diverse istanze di ruolo di lavoro, code e blob.

Nello scenario illustrato in questo esempio, l'attività parallela viene eseguita da numerose istanze di ruolo Web simultanee, ciascuna delle quali utilizza dati contenuti in blob. Poiché Windows Azure non impone alcun limite di durata per le istanze, ciascuna istanza può eseguire una quantità illimitata di lavoro. Per interagire con l'applicazione, l'utente si affida a una singola istanza di ruolo Web. Attraverso l'interfaccia, l'utente può determinare quante istanze di ruolo di lavoro devono essere eseguite, avviarle e arrestarle, accedere ai risultati e altro ancora. La comunicazione tra le istanze di ruolo Web e di lavoro dipende dalle code di archiviazione di Windows Azure.

Considerato l'elevato livello di potenza di elaborazione disponibile nella cloud, questo nuovo approccio può trasformare le applicazioni HPC (High Performance Computing). Ad esempio, la nuova versione di Microsoft Windows HPC Server consente di creare un cluster di elaborazione utilizzando istanze di ruolo di lavoro Windows Azure in combinazione con o al posto dei server fisici on-premises. In ogni caso, sfruttare questa nuova fonte di potenza di elaborazione offre vantaggi in alcune situazioni.

Torna all'articolo principale

Articolo succassivo

You have no rights to post comments