I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

«Ciao! Guarda dove ti ho taggato!»: un messaggio innocente, con tanto di emoticon rassicurante, il tutto controfirmato da un utente con cui si è stretta amicizia su Facebook. Dietro ad un messaggio di questo tipo, però, si cela l’ennesima truffa. Ed il meccanismo è tanto consueto quanto solido, efficace ed insidioso.

L’immagine raffigura l’origine della truffa: un messaggio ricevuto dalla chat di Facebook da un proprio amico (o via Skype, se si sono collegati i due account), il messaggio che avverte del fatto che si è stati taggati e quindi un link sconosciuto da cliccare per soddisfare la propria curiosità. Evitare il click è quanto di più intelligente si possa fare, mentre per chi clicca si apre un meccanismo che rischia di trasformarsi in truffa vera e propria ai danni del malcapitato utente.

Una volata cliccato sul link il malcapitato utente viene indirizzato una pagina dove ce un video che a un certo punto si perma,dove dovreste essere taggati, e che per farlo continuare basta compilare un modulo e facendo cosi autorizza questi truffatori a prendere denaro dalla vostra bolletta telefonica trasformando Facebook da un passatempo innocnte e un vero e prorio danno economico.

Condividete e fate girere questo messaggio e importante.

You have no rights to post comments