I COOKIE CI PERMETTONO DI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA UTENTE CONTINUANDO A NAVIGARE SU QUESTO SITO ACCETTI IL LORO IMPIEGO 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 
Nel 2009 circa vennero presentati al mercato da parte di asus dei pi portatili detti netbook che sono una via di mezzo tra un notebook normale ma che si rendevano molto comodi per le loro ristrette dimenzioni ma soprattutto più economici degli ultra book che venivano venduti nel 2009.


I pionieri furono Asus con i suoi eeepc ancora esistenti e sempre in fase di sviluppo che oltre alla loro grande portatilità garantivano anche delle autonomie spaventose mai viste prima di quei modelli infatti chi vi sta scrivendo possiede un eeepc 901 go con un autonomia di batteria ancora di 6 ore.
A fare il miracolo della durata non era certamente la batteria ma l'invenzione della intel che con dei cipset dedicati e i processori Atom cambiò radiclamente le leggi in fatto di consumo di energia, Asus si inventò anche un applicazione che si chiama Super Hybrid in grado di tenere sotot controllo il consumo di energia dosando le giuste prestazioni, però questa magia funzionava sotto windows e se sul nostro netbook vogliamo mettere linux come facciamo?
In aituto ci viene un appicazione chiamata Jupiter.

Questa utility Linux aggiunge un applet di gestione dell'alimentazione nella barra delle applicazioni. È possibile utilizzare Jupiter per passare il massimo delle prestazioni, alte prestazioni e modalità di risparmio energetico. Jupiter vi permette anche di regolare la risoluzione dello schermo del computer e l'orientamento. E si può anche disattivare la WiFi del tuo netbook, webcam, o altro hardware per risparmiare energia quando non è necessario queste caratteristiche.

Jupiter si basa sulla la eeetray Applicazione EeePC ACPI Utilities progettato per i netbook Asus Eee PC. Dovrebbe funzionare con Ubuntu e altre distribuzioni basate su Debian Linux. C'è anche un pacchetto RPM disponibili, il che suggerisce che dovrebbe funzionare anche con Fedora, Red Hat, e simili distribuzioni Linux.

You have no rights to post comments